Versione mobile
facebook
Slow Food
Città Slow
Strada dei Vini
Photo Gallery
Video Gallery
Virtual Tour
Arte e cultura
Chiese
Cattedrale
immagine Cattedrale
Clicca per ingrandire
E’ l’edificio religioso più importante di Amelia e fu eretto sul “Sacrum Verticem” della città nell’anno 872. Nel 1629 un vasto incendio distrusse la cattedrale che venne ricostruita in forme barocche.

La facciata completata nel XIX secolo, è in cotto rosato. L’interno grandioso e solenne custodisce importanti opere d’arte tra le quali: tele di F. Zuccari, G. F. Perini, Niccolò Pomarancio, una tavola a cuspide di scuola senese attribuita per lungo tempo a Duccio da Buoninsegna, successivamente ad un pittore locale, una tavoletta raffigurante la Madonna col Bambino attribuita ad Antoniazzo Romano.

Notevole è la cappella del SS. Sacramento (sec. XVI) in forma ottagonale che conserva una interessante tavola attribuita a Taddeo Zuccari e i monumenti marmorei dei Vescovi Bartolomeo e Baldo Farrattini, quest’ultimo splendida opera d’arte dell’artista orvietano Ippolito Scalza.
Le pareti sono affrescate dal Luigi Fontana. Nella cattedrale sono inoltre presenti sculture di Agostino di Duccio, Ippolito Scalza e del Dosio. Da evidenziare inoltre il fonte battesimale in stile rinascimentale, con piccola statua in marmo di S. Giovanni Battista riferibile forse alla scuola del Donatello. Da ricordare che sotto l’altare si custodiscono i corpi dei Santi protettori di Amelia Santa Fermina e Sant’Olimpiade.

Sulla parete a sinistra dell’altare è esposta la copia della "Croce dell'Evangelizzazione" che, nel 1514, fu benedetta ed innalzata da Mons. Alessandro Geraldini, primo Vescovo che arrivò nell'Isola "La Española" corrispondente attualmente alla Repubblica Dominicana e ad Haiti che Giovanni Paolo II ha consegnato nel 1986 alla Diocesi di Amelia.

Infine sono conservati nella cattedrale due importanti organi: L'organo grande costruito nel 1904 dalla ditta Rieger di Jaegerndorf nella Slesia Austriaca dentro la cassa settecentesca posta in cornu epistulae nel presbiterio e un raro organo positivo ad ala del 1600 recentemente restaurato.
E’ possibile altresì ammirare l’artistico presepe del dott. Carlo Chiappafreddo (n. 1914 – m. 1967) , donato alla cattedrale della famiglia Chiappafreddo e costituito da personaggi di cartapesta e terracotta di varie dimensioni e di originale produzione spagnola, come lo sono quelle utilizzate per i diorami che rappresentano numerosi episodi della vita di Gesù.

 
Chiesa delle Cinque Fonti
immagine Chiesa delle Cinque Fonti
Clicca per ingrandire
L’attuale chiesa di Santa Maria delle Cinque Fonti risale al sec. XV e, nel corso dei secoli successivi, subì vari rimaneggiamenti. Il significato di “cinque fonti” è dovuto alla presenza, nelle immediate vicinanze, di arconi medievali, che dovevano contenere cinque fontane. L’esterno dell’edificio, alquanto semplice, presenta una facciata caratterizzata da due finestre dette del “viandante”: esse permettevano di seguire la messa anche dall’esterno. All’interno sono pregevoli pitture a fresco, appartenenti a cicli votivi commissionati come ringraziamento per grazie ricevute, ed eseguite nel corso dei secc. XV e XVI. Nella parete destra è il dipinto raffigurante i “Santi Rocco, Cristoforo e Sebastiano”, senza dubbio l’opera più antica.

L’iscrizione, posta in corrispondenza della cornice inferiore, informa che l’opera fu eseguita nel 1487 su committenza di un tal “ser Ugolino”, come ringraziamento per la guarigione di una epidemia, probabilmente la peste del 1469. La presenza di San Bernardino da Siena, minore Osservante, potrebbe essere motivata dal fatto che la chiesa dipendeva dalla SS.ma Annunziata, convento appartenente, appunto, alla famiglia degli Osservanti; inoltre, perché da giovane, ancora a Siena, durante un’epidemia di peste, Bernardino si dedicò alla cura dei malati. Nella parete della controfacciata è il dipinto raffigurante la “Madonna del latte”, dai tratti molto modesti, ma non per questo non gradevoli.

Nella parete sinistra è un’altra opera votiva raffigurante un “Infermo orante”, con lo sguardo rivolto verso l’alto, ov’è l’immagine della “Madonna col Bambino”; dalla frammentaria iscrizione si evince che l’uomo sia stato guarito ad una gamba, per intercessione della Vergine. Sempre nella parete destra è la pittura ritenuta più interessante, raffigurante “San Rocco, la Vergine col Bambino, San Sebastiano e San Bernardino da Siena”; accanto al gruppo è una “Madonna col Bambino”.

 
Chiesa di S.Agostino
immagine Chiesa di S.Agostino
Clicca per ingrandire
La Chiesa, sorta sulla precedente dedicata a San Pancrazio, presenta una bella facciata romanico-gotica divisa in due sezioni con rosone e portale con fregi allegorici a bassorilievo tipici dell’arte romanica. Nella cantoria, sopra il portale, è custodito un prezioso organo della Ditta Morettini (1841).
L’interno venne rinnovato tra il 1747 e il 1762, in forme tardo barocche, conservando all’esterno l’impianto gotico e le caratteristiche finestre. All’interno notevoli affreschi di Francesco Appiani e un bel coro ligneo.
Nella Chiesa si venera la Madonna di Lourdes, infatti, in una cappella, fu costruita una Grotta a ricordo del miracolo e testimonianza della pietà popolare. Uscendo a sinistra e attraversando un portale con tettoia sorretta da colonne di granito con capitelli gotici, si può visitare il Chiostro (1492) dell'antico convento,con il porticato e le logge sorretti da colonne in stile corinzio, attualmente in fase di restauro.

 
Chiesa di S.Girolamo in Posterola
La chiesa è sita in fondo ad un pittoresco viale e risale al sec. XVII.
Nell’interno a pianta ottagonale con lesene esterne è possibile ammirare un affresco della fine del XIV sec. raffigurante la Madonna con il Bambino.

Sulla cantoria, raggiungibile dall’esterno, c’è un organo positivo settecentesco, che mantiene ancora pressoché inalterate qualità foniche e meccaniche.

 
Chiesa di San Francesco
immagine Chiesa di San Francesco
Clicca per ingrandire

Nel 1287, stando alle cronache, frate Bartolomeo di Amelia fondò la chiesa di San Francesco dedicata inizialmente ai Santi Filippo e Giacomo.
Nel 1447 i maestri Francesco e Guglielmo di Lombardia eressero il campanile.
Tra il ‘500 e il ‘600 la chiesa fu rinnovata per costruire la cantoria; a questo periodo si riferisce il rifacimento delle fonti di luce nell’abside e nell’aula. Nel sec. XVIII ci fu il rifacimento della chiesa, infatti le finestre furono rialzate più in alto della linea di gronda del coronamento originale. Al 1942 risale l’ultimo rifacimento ad opera dei Salesiani, quando il convento fu trasformato in Convitto.

L’esterno della chiesa si presenta ancora nella sua veste tardo romanica, con influssi gotici, soprattutto lungo i lati e nella parete absidale. La facciata, opera dei maestri scalpellini locali, di fattura semplice ed armoniosa in conci di travertino finemente lavorati, risale al 1401. Essa risulta divisa in due sezioni da una cornice dentellata; nella parte superiore vi è un doppio rosone concentrico ed incorniciatura sottotetto con motivo di archetti lobati, che formano la cuspide.

L’interno, a croce latina, con le sue linee vagamente barocche, è stato ristrutturato nel 1767. Da segnalare, nella parte destra, la cappella intitolata a Sant’Antonio (dovuta al lombardo Antonio Pini), che ha mantenuto l’originario aspetto quattrocentesco ed i sei sepolcri della nobile famiglia Geraldini, fra cui spicca il “Sepolcro di Matteo ed Elisabetta”, monumentale opera di Agostino di Duccio (1477).

 
Chiesa di Santa Maria di Porta (Via Garibaldi)
La piccola chiesa risale alla fine del ‘600. All’interno si trova l’altare principale ligneo con un interessante affresco (sec. XV) proveniente da una delle Porte di Amelia e raffigurante la Madonna con il Bambino. Negli altari laterali, sempre lignei, vi sono buone tele seicentesche.

 
Chiesa di Santa Monica (Via Cavour)
La chiesa, attigua all’omonimo convento, presenta un interno barocco con altari lignei contenenti interessanti tele seicentesche tra le quali una attribuita a Bartolomeo Barbiano. Interessante il soffitto voltato ed interamente affrescato con motivi ad imitazione ad internodi cupola con lanterna. Sopra l’ingresso principale è possibile ammirare una bella cantoria, mentre sulla porta di accesso laterale sono visibili degli affreschi forse superstiti di una cappella cinquecentesca.

 
Chiesa e Abbazia di S.Secondo
La chiesa ha annesso l’Oratorio della Confraternita della Buona Morte.
L’abbazia di S. Secondo venne eretta nel XII secolo sui resti di un tempio appartenuto ai monaci Silvestrini. L’edificio si compone di tre parti: la prima sorse sull’area di un cimitero cristiano, la seconda è di epoca romanica, la terza è del 1500.L’abbazia ha avuto una notevole rilevanza politica la vediamo infatti testimone di importanti episodi storici come nel 1208 il trattato con Todi.

L’interno della chiesa è in stile barocco ed è diviso in due ambienti. Ivi si possono ammirare un bel coro ligneo, paramenti sacri appartenenti alla Confraternita della Morte, ente ancora esistente, e interessanti tele.
Accanto all’abbazia vi è una interessante torre romanica.

 
Chiesa e Monastero di S.Magno
immagine Chiesa e Monastero di S.Magno
Clicca per ingrandire
La Chiesa di S.Manno o Magno di pertinenza dell’omonimo monastero, fondato per volere dei monaci della basilica di S. Paolo fuori le mura in Roma intorno alla fine del ‘200, appartiene alle suore benedettine di clausura.
Nella chiesa si conserva un organo da considerarsi uno dei monumenti più pregevoli dell’intera città di Amelia; oggetto di visita e di studio da parte degli organisti ed organologi è oggi inserito anche negli itinerari turistici cittadini e gode di una meritata fama in Italia e all’estero. L’organo si inserisce nel filone degli strumenti “monacali”, quelli, cioè, destinati ad essere suonati da religiose spesso votate alla clausura come nel caso del monastero di S. Magno. Questa destinazione ha sempre creato problemi nel momento in cui ad utilizzare l’organo avesse dovuto essere un musicista estraneo al monastero; problemi ingegnosamente risolti in diversi modi. Lo strumento delle benedettine di S. Magno presenta una soluzione che lo rende unico nel suo genere: esso è stato dotato di una tastiera posta in cantoria e di una seconda tastiera in basso, al piano della chiesa, chiusa in un armadio apribile ed utilizzabile all’occorrenza. L’ingegnosità del sistema risiede nel fatto che la seconda tastiera ed i comandi dei registri agiscono a distanza di oltre due metri sul somiere unico dello strumento che è, però, dotato di una doppia fila di ventilabri.

 
Convento della SS.Annunziata
immagine Convento della SS.Annunziata
Clicca per ingrandire
Stupendo convento immerso nella natura tra i colli amerini. Il complesso è a tre chilometri da Amelia e venne eretto nel XV secolo su un preesistente eremo.

Il convento appartiene ai francescani ed è costituito da un bel cortile e dalla chiesa il cui interno semplice e disadorno possiede un’Annunciazione dipinta dal Bruschi.

In origine nella chiesa si conservava la famosa “Annunciazione Gardner” dipinta nel 1481 opera di Pier Matteo d’Amelia ed oggi esposta nel Museo Gardner di Boston. Al convento appartiene anche il chiostro, il Planetario che riproduce alcuni fenomeni astronomici ed infine il magnifico Presepe Permanente realizzato in gesso dal celebre presepista spagnolo Juan Marì Oliva.

 
Convento di S.Giacomo dei Cappuccini
L’edificio, a pochi chilometri dal centro è posto in una ammirevole posizione panoramica immersa nel silenzioso verde di un bosco; già ospizio per i pellegrini e gli ammalati (1156), poi dimora delle “Monache di San Magno”, nel sec. XVI (1550?), il complesso (noto come “San Giacomo de redere”) passò ai frati Minori Cappuccini.

Recentemente ampliato e ristrutturato, può ospitare pellegrini e turisti desiderosi di ritemprare lo spirito.

Nella chiesa si possono ammirare: una bella tela attribuita al Piazza, raffigurante “La Madonna con Santi”; un notevole “Crocifisso ligneo” posto nel coro; un pregiato quadro de “L’Ultima cena” collocato nel refettorio. Al centro del chiostro è stata recentemente collocata una moderna statua di San Francesco di Assisi, opera dello sculture Aurelio De Felice.

 
Ex Chiesa del Crocifisso
La Chiesa fu edificata nel 1700 su preesistente edificio religioso. All’interno vi sono altari lignei con emblemi delle antiche corporazioni cittadine provenienti dall’annesso Oratorio, ed alcune tele del 1600 e del 1700 tra cui una che rappresenta la “ Carità di Sant’Omobono”.

Nella cantoria vi è un interessante organo del 1700.

La chiesa ospita la Corale Amerina, tel. 0744/982922.

 
Ex Chiesa dell'Ospedaletto (già della Misericordia o di San Giovanni Decollato)
L’edificio sito poco dopo l’ingresso di Porta Romana, attualmente sede del Circolo Culturale Santa Firmina è costituito da una cappella con annesso oratorio, faceva parte di un complesso ospedaliero istituito per i poveri e per i pellegrini intorno alla metà del secolo XIV.
Entrando, a sinistra è possibile ammirare un affresco si scuola senese: Maria SS con Bambino ed Angeli. Sulla parete d’ingresso si trovano due buone tele con il Battesimo di Cristo e la Predicazione di San Giovanni Battista attribuite al pittore amerino Litardo Piccioli. La volta risulta interamente affrescata probabilmente dalla scuola degli Zuccari. Esiste inoltre una terza tavola: “La Decollazione di San Giovanni” recante la firma di Livio Agresti e una data 1571.

 
Ex Chiesa di S.Angelo
La chiesa è attigua ad un vasto edificio conventuale appartenuto ai Somaschi. Di proprietà comunale dopo anni di abbandono è stata completamente ristrutturata.
Interessante la facciata interamente costituita in mattoni con incorniciatura di travertino, con ai lati due campaniletti uno dei quali conserva ancora l’orologio a sei ore completo di meccanismo con campanella per il suono delle ore.

News
22 Agosto 2017
AMELIA 22 Settembre ore 20.30 - Orchestra Sinfonica Europa Musica- Coro Lirico[...]
22 Settembre 2017
  Una rassegna di musica, prosa, mostre d’arte, convegni e appuntamenti di varia[...]
29 Settembre 2017
BIBLIOTECA COMUNALE -Sala Conti Palladini 29/09- 5 e 27/10 ore 16,30 . Si[...]
01 Ottobre 2017
1 OTTOBRE dalle 9,00 alle 19,00 pre-iscrizioni presso Ufficio Turistico IAT. P.zza Vera
Eventi e manifestazioni
IL TEATRO SOCIALE DI AMELIA
dal 01/01 al 31/12
Ospitalità in evidenza